BLOG

La Scuola Digital non è più un’utopia: aderisci al bando con Wispone

Reti cablate e wireless nelle scuole: scopri come aderire al bando e velocizzare installazioni e lavori, in corso ormai da troppo tempo.

La campanella ha appena suonato l’inizio di un nuovo anno scolastico. La speranza di insegnanti, genitori, alunni è quella di varcare la porta della classe, ogni giorno, fino a che giugno non ci separi di nuovo.
Non sappiamo se sarà un anno di rinnovata normalità o, malauguratamente, un nuovo singhiozzo tra didattica a distanza e presenze. L’unica certezza è che INTERNET è e sarà un servizio imprescindibile. E deve funzionare bene, perché ormai non c’è lezione che ne possa fare a meno, né strumentazione, né servizio di collegamento tra insegnanti e genitori, tra scuola e cittadinanza.
Il Ministero dell’Istruzione, già da un po’, ha avviato un bando per accedere a finanziamenti europei dedicati proprio alla realizzazione di reti locali, sia cablate che wireless, all’interno delle istituzioni scolastiche.
In altre parole, un reale sostegno per un’infrastruttura di rete che raggiunga finalmente tutti gli spazi didattici e amministrativi all’interno delle nostre scuole; per una connessione di rete stabile e ultra veloce dedicata al personale scolastico, a studentesse e studenti; per il cablaggio degli spazi, per una navigazione sicura, per la gestione degli accessi.
Noi di Wispone abbiamo dedicato gran parte di questa estate alla realizzazione di progetti di questo tipo: tra sopralluoghi e cavi da collegare, i sotterranei di tantissime scuole marchigiane non hanno più segreti per noi!
Se sei a capo di un istituto, o insegnate oppure genitore e non hai ancora concretizzato questo sogno, contattaci a questo link: http://www.wispone.it/bando-reti-scuole. La nostra cassetta degli attrezzi è già pronta per iniziare il cablaggio o riprendere lavori lasciati a metà.

Leggi anche

Chi vuole cambiare operatore speso ci racconta che non può, che vorrebbe e non ci riesce, che si sente in gabbia e che scalare una montagna a mani nude sembra una sciocchezza in confronto.
Che le donne marchigiane siano tutte un po’ streghe l’avrai sentito dire molte volte. Ma più difficilmente ti spieghi come mai, al suono di questo commento, in tante si inorgogliscano.
Avrai certamente visto elmetti al lavoro lungo le strade della tua città: alcuni potevamo essere noi, impegnati nella costruzione di una nuova tratta in fibra ottica…